Basta un attimo per salvare una vita

Albo (Pubblica Istruzione): corso di salvamento con l’Associazione “Basta un attimo Peppe 92”

L’Assessorato alla Pubblica Istruzione ha aderito all’iniziativa proposta dall’Associazione “BASTA UN ATTIMO Peppe 92” per la realizzazione di Corsi di addestramento base ed avanzati sulle nozioni di primo soccorso (BLS), a titolo gratuito. Per questo l’Assessore alla Pubblica Istruzione Avv. Paola Albo, ha chiesto alle Scuole dell’infazia Paritarie senza fini di lucro e alle Scuole di ogni ordine e grado, l’ospitalità per fornire gratuitamente una giornata di formazione teorico pratica, sulle manovre di disostruzione lattante – bambino – adulto e sul giusto taglio degli alimenti rivolta ad insegnanti, genitori e nonni.Ad insegnanti, genitori e nonni.

Questa proposta – dichiara l’Assessore Albo, – è estesa anche a tutti i genitori e costituisce una grande opportunità, anche in considerazione della gratuità e della durata della lezione, 1 ora e mezza.

Entro il 23 ottobre 2017, le scuole dovranno far pervenire all’indirizzo pec: pubblicaistruzione@cert.comune.andria.bt.it la loro adesione.

L’associazione “BASTA UN ATTIMO Peppe 92” è nata nel 2014 in seguito alla tragica e prematura scomparsa di un ventenne, con una grande gioia di vivere, un ragazzo a cui la strada ha in un attimo rubato i sogni, il futuro, la vita.

La sua famiglia ha dato vita a questa associazione che senza scopo di lucro, si prende a cuore la salvaguardia della vita umana e promuove corsi di addestramento base e avanzati sulle nozioni di primo soccorso (BLS), in collaborazione con il dott. Marco Squicciarini e il progetto “Salvamento Accademy” è principalmente indicato a tutti coloro che intendono promuovere e diffondere la cultura del primo soccorso nella comunità, attraverso corsi di formazione, in particolare rivolti alle associazioni già impegnate a vario titolo nell’ambito del soccorso, del volontariato, in quello sportivo, sociale o culturale, idem per i soggetti pubblici e privati.

WhatsApp Image 2017-10-17 at 20.18.12

o (Pubblica Istruzione): corso di salvamento con l’Associazione “Basta un attimo Peppe 92”

Basta un attimo. Peppe, l’angelo del cuore (di Michele di Corato)

Ecco l’articolo di Michele di Corato pubblicato su ODYSSEO oggi 10 giugno 2016

 

Trasformare il dolore in azione, per non cancellare quel sorriso… Basta? Certo che no, ma aiuta chi ne ha bisogno.

Un sabato pomeriggio, un sabato d’estate. Giugno, quell’anno lì, era stato clemente, un moderato sole faceva capolino con ripetitiva assertività da nuvole sparse in un cielo che, da lì a poco, avrebbe piovuto lacrime di incommensurabile dolore…

La mia colazione era sempre la stessa, biscotti e caffellatte mi rinsavivano da una notte trascorsa tra le sudaticce lenzuola di una primavera agli sgoccioli. Non ero solito perdermi in discorsi sofisticati, si sa, a prima mattina i pensieri viaggiano nei meandri del nulla, ma guardando la tv, mi sovvenne un ricordo, un incubo che mi attanagliava l’anima, un peso che sentivo il bisogno di condividere con parenti e amici. Lo ammetto, non sono bravo a raccontare sogni, spesso li attribuisco a divagazioni mentali, quei cattivi presagi che prima ti avvolgono come una coperta asfittica e poi ti abbandonano inerme. Sensazioni che ti cambiano per sempre, in un attimo. Già, è bastato solo un attimo per portarsi via Giuseppe Di Schiena. Un segno premonitore? Può essere…10608486_817069041670633_1427579406530104277_o

Non lo conoscevo personalmente, ho imparato a farlo dopo e mi sembra di averlo avuto sempre accanto. D’accordo, declamare le virtù di chi ormai respira nella gloria di Dio è costume di molti, ma il sorriso di Giuseppe l’ho ritrovato dappertutto. Lo si scorge negli occhi vispi di suo papà Michele, lo riconosci dalle gote segnate di Filomena, mamma, confidente e devota cristiana. Peppe lo chiamavano tutti, diminutivo di chi ha fatto dell’umiltà un’innata attitudine. Movimento incessante il suo, dalle partite a calcetto a quella maledetta moto, Peppe sfidava le dinamiche dell’indifferenza, sistemandosi in qualche anfratto del sentimento di tutti noi, assaporava il Mondo perché ne faceva parte, si sentiva l’ingranaggio portante di un misterioso ma divino meccanismo incomprensibile e perfetto.

Oggi, a tre anni dalla sua scomparsa, Peppe ha restituito un senso a quell’ignota perfezione, la sua scomparsa è stata propedeutica ad un disegno più grande. Chissà, forse il suo sacrificio non si è raggomitolato attorno alle primordiali radici di un torrido asfalto, il suo nome riecheggia nelle vite di molte altre persone che a Peppe devono tutto, la loro esistenza.1002528_10205356522540910_5671440170492459845_n

Accedendo al sito www.peppe92.ite/o alla pagina Facebook “Basta un attimo-www.peppe92.it”, ci si rende conto, infatti, dell’enorme impegno profuso da Michele e Filomena nel garantire, attraverso una cospicua raccolta fondi dell’Associazione, defibrillatori agli Oratori Di San Paolo e Sant’Andrea, ora, finalmente, cardioprotetti, estendendo l’iniziativa anche a tutte le scuole, con lo scopo di organizzare corsi di pronto soccorso, relativi alle tecniche di prevenzione di ostruzione delle vie respiratorie soprattutto per l’età infantile.

“…PERCHÉ HAI SAPUTO ATTRAVERSARE LA CORRENTE DELL’INEVITABILE. MOLTI VI NAVIGANO E NAUFRAGANO; ALTRI VENGONO TRASCINATI FINO A LUOGHI CHE NON ERANO LORO DESTINATI. MA TU HAI AFFRONTATO LA TRAVERSATA CON DIGNITÀ, HAI SAPUTO GOVERNARE LA ROTTA DELLA TUA BARCA, E STAI TENTANDO DI TRASFORMARE IL DOLORE IN AZIONE.”

(P. COELHO – MONTE CINQUE)